Ibiza 2015 per una vacanza perfetta

Nella scelta della destinazione per le vacanze estive, non si può non tener conto della meravigliosa isola di Ibiza. Un luogo incantato e perfetto per chi, dopo mesi di duro lavoro, vuole godersi le tanto meritate vacanze.Ibiza, infatti, è una delle mete preferite non solo dagli italiani ma anche dai turisti internazionali che approdano sull’isola per trascorrere una vacanza da sogno in particolare in ville di lusso ad Ibiza. L’isola difatti offre tante attrazioni ed è il luogo giusto sia per le famiglie che hanno bambini a seguito, per le coppie ma anche per le comitive di giovani.

Ibiza è nota soprattutto per le sue spiagge incantevoli e per la vita notturna molto movimentata. Chi ama il divertimento, certamente non si annoierà mai, vista la presenza di moltissimi locali disseminati in ogni angolo dell’isola. Di notte la città si popola e si accende di luci e colori che garantiscono il divertimento per tutti. Tra discoteche, ristoranti e feste in spiaggia, i giovani troveranno di certo tante occasioni di intrattenimento.

Molti sono inoltre i VIP che scelgono Ibiza come luogo in cui rifugiarsi. Tra le spiagge più conosciute, dove è possibile avvistare anche qualche personaggio noto, c’è la celebre Ses Salines, famosa per il suo mare cristallino. Altre spiagge da menzionare per la loro bellezza sono Cala d’Hort, Cala Vadella e Port di Sant Miquel, tutte rinomate per le bellezze naturalistiche e le spiagge di sabbia fine.

Le spiagge dell’Isola sono tutte ben attrezzate anche per i bambini e facilmente accessibili. Nei paraggi sorgono numerose strutture ricettive come hotel, pensioni e Bed and Breakfast, che accontentano le esigenze di tutti. Alcune strutture, invece, sono ubicate in zone più interne ed isolate che permettono di stare lontani dal caos quotidiano e notturno.

Chi ama l’avventura, può partire alla scoperta delle decine di piccole calette, nascoste da una folta vegetazione. Ma Ibiza, nasconde tante sorprese anche per chi è appassionato di arte e di cultura. Sono molti infatti i monumenti e le opere che si possono ammirare in questi luoghi. Castelli, cattedrali e gallerie d’arte offrono ai turisti un’occasione unica per rilassarsi e scoprire la storia di questa meravigliosa isola.

Insomma, Ibiza potrebbe essere davvero la meta perfetta per le vacanze 2015. D’altronde è anche molto facile raggiungerla dall’Italia. I voli per la Spagna sono forniti dalle maggiori compagnie aeree che nel periodo estivo effettuano diverse promozioni anche last minute per chi desidera partire all’ultimo momento. Si parte dalle principali città italiane come Roma, Milano e Firenze e si arriva senza dover effettuare alcuno scalo all’aeroporto di Sant Jordi.

Anche la nave porterebbe essere una buona soluzione per raggiungere l’Isola. In questo caso ci si può imbarcare sia da Civitavecchia che da Genova ed arrivare a Barcellona dove prendere un’altra nave per il porto di Sant Antoni, sulle coste dell’isola.

Attività all’aperto e rischi

Quando gli studiosi propongono i test di intelligenza a fine anno, i bulli bullismo hanno effettivamente mostrato punteggi più alti rispetto alle vittime. Il significato di questo studio sta nel fatto che gli studiosi hanno selezionato casualmente un numero di studenti tra bulli e vittime. Gli esperti hanno scoperto che quando gli insegnanti cercano negli alunni delle prestazioni particolari accade che il punteggio è falsificato. In un aula scuola primaria in cui studenti e insegnanti erano particolarmente attenti, i risultati dei test sono stati considerevoli. Il punteggio che dimostra che i bulli sono più tranquilli delle vittime, e questo porta a dimostrare nei test di intelligenza maggiore predisposizione. Non perché siano realmente più intelligenti, ma perché sono più sicuri di sé.

È importante verificare le condizioni psicologiche degli alunni che partecipano ai testi psicologici perché potrebbero essere falsati. Un bullo riesce a fingere, a mostrarsi più furbo nelle risposte, la vittima è timida, ha paura, ha paura di fallire il test e questo la spinge a rispondere in maniera affrettata e in base al proprio stato d’animo. Uno studio americano ha anche mostrato che gli studenti  provenienti da classi sociali più elevate risultano spesso meno bravi nei test, mentre gli studenti provenienti da classi sociali più basse risultano essere più bravi. Il monitoraggio è stato effettuato su degli studenti durante l’intero anno scolastico in vari cicli di istituto. Lo studio ha anche riferito che gli studenti più simpatici al docente hanno ricevuto più attenzione e risultati migliori. Quelli meno considerati  dagli insegnanti hanno presentato risultati molto bassi. I pedagogisti  hanno documentato questo processo ma devono ancora definire lo sviluppo esatto di come gli insegnanti si comportano in classe di fronte al bullismo. Spesso le loro aspettative sono semplici e non cercano di migliorare la situazione, ma solo di stare sereni in classe.